fbpx

Morbo di Haglund

Ortopedia > Chrurgia del piede e della Caviglia

L’Unità di Chirurgia del Piede presso la Clinica Parioli è specializzata nel trattamento del Morbo di Haglund con “plastiche del calcagno mininvasive”. La chirurgia percutanea mininvasiva rispetto alle tecniche classiche rappresenta l’opzione migliore per il trattamento del Morbo di Haglund perché offre il vantaggio di piccole incisioni, rispetto dei tessuti e favorisce un rapido recupero post-operatorio.

Morbo di Haglund

MORBO DI HAGLUND

Il morbo di Haglund è una patologia caratterizzata da una prominenza ossea nella parte posteriore del tallone.

Tale prominenza ossea entra in conflitto con il tendine d’Achille e la borsa retrocalcaneare dando luogo ad un’infiammazione cronica (borsite).

L’insorgenza della patologia può essere favorita da diversi aspetti:

  • Fattori anatomicicome forma del calcagno e dell’arco plantare
  • Fattori esternicome utilizzo di calzature inadeguate
  • Tensione eccessiva del tendine d’Achille

SINTOMI E DIAGNOSI

Il dolore è localizzato nella regione posteriore del piede nell’area in cui il tendine d’Achille si inserisce sul tallone. Spesso si può evidenziare gonfiore e arrossamento nella regione posteriore del tallone causato dall’iperemia della borsa retrocalcaneare.

La diagnosi del morbo di Haglund si basa sulla valutazione clinica e l’integrazione di esami diagnostici.

La radiografia in proiezione laterale può confermare il sospetto diagnostico evidenziando la presenza della prominenza ossea nella regione posteriore del calcagno.

La risonanza magnetica invece ci offre un quadro dettagliato del processo infiammatorio e eventuali alterazioni del tendine d’Achille.

TRATTAMENTO CHIRURGICO MININVASIVO

La chirurgia percutanea mininvasiva permette tramite delle piccole incisioni di eseguire una plastica del calcagno che prevede l’asportazione completa della prominenza ossea in modo da eliminare il conflitto con il tendine d’Achille.

Terminata tale procedura deve essere valutata la necessità di stabilizzare e rinforzare il tendine d’Achille in base allo stato di usura con delle ancorine.

La tecnica percutanea mininvasiva permette un decorso post-operatorio più rapido e poco doloroso.

Dopo l’intervento il paziente potrà camminare con l’utilizzo di bastoni canadesi e un tutore da utilizzare per 4 settimane. Dopo un mese potrà indossare nuovamente calzature normali.

Qualora al morbo di Haglund si associ una retrazione dei muscoli posteriori della gamba deve essere valutata la necessità di eseguire un allungamento del gastrocnemio mediale per via endoscopica (gastrocnemius recession).